Sforzato di Valtellina DOCG

La vita è troppo breve per bere vini mediocri.

Hai solo bisogno di trovare le OFFERTE giuste. Quello che ti proponiamo è un vino di QUALITA’ INDISCUSSA, come dimostrato dalle testimonianze delle persone che hanno avuto la fortuna di degustare i VINI DELLA VALTELLINA. Cosa aspetti? Ora non ti rimane che visitare la nostra enoteca online

Sforzato di Valtellina DOCG

Se sei appassionato di vini hai sicuramente sentito parlare dello Sforzato di Valtellina (o Sfursat), primo passito rosso secco italiano a potersi fregiare fin dal 2003 della Denominazione di Origine Controllata e Garantita (DOCG).

Lo Sforzato è il vino che più di tutti porta in alto il nome della Valtellina nel mondo. Questa Denominazione rappresenta da anni una delle più importanti aree vitivinicole di tutta la regione Lombardia.

Per certi versi lo Sfursat può essere considerato cugino dell’Amarone (noto vino della Valpolicella) per tipologia e lavorazione. Diverso invece è il discorso se parliamo dei vitigni utilizzati: in Valpolicella Corvina Veronese, Corvinone e Rondinella mentre in Valtellina il Nebbiolo.

 

DOVE VIENE PRODOTTO

La Valtellina, nota area alpina a nord della Lombardia, ha dato I natali a uno dei vini rossi più amati e celebrati degli ultimi anni: lo Sforzato. Questo eccellente vino Valtellinese viene lavorato nella zona del corso superiore del fiume Adda.

Qui, in un paesaggio unico nel suo genere, nella fascia pedemontana (fra i 300 m e gli 800 m) delle Alpi Retiche, i vigneti prosperano rigogliosi. Le zone di produzione dello Sfursat di Valtellina sono identificabili in parte dei territori dei comuni di:

Ardenno, Berbenno di Valtellina, Bianzone, Buglio in Monte, Caiolo, Castione Andevenno, Chiuro, Montagna in Valtellina, Piateda, Poggiridenti, Ponte in Valtellina, Postalesio, Sondrio, Teglio, Tirano, Tresivio, Villa di Tirano.

 

VITIGNO

Lo Sforzato di Valtellina, per potersi definire tale, deve contenere almeno il 90% di uve Nebbiolo (che in queste zone viene chiamato anche Chiavennasca). Per il restante 10% è consentito l’utilizzo di altri tipi di vitigni tra cui: Pignola, Rossola, Prugnola (autoctoni) e Pinot nero, Merlot.

Se ti interessa sapere quali sono tutte le condizioni e i requisiti per la produzione di questo vino puoi scaricare e leggere il Disciplinare di produzione Sforzato di Valtellina DOCG cliccando sul link che trovi qui sopra, subito sotto il video.

 

COME VIENE PRODOTTO

Lo Sforzato della Valtellina si ottiene dai migliori grappoli di uve Nebbiolo, in fase di vendemmia infatti viene sempre fatta un’accurata selezione. Subito dopo la vendemmia, che avviene abitualmente con leggero anticipo rispetto alle normali produzioni, il raccolto viene disteso per circa tre mesi su fruttai/graticci all’interno di locali asciutti e ben ventilati.

Il particolare nome di questo vino deriva proprio dalla tecnica di “forzare” la maturazione e l’appassimento delle uve. Dopo la fase di appassimento l’uva ha sviluppato fragranze aromatiche particolari ed ha concentrato I succhi arrivando a perdere addirittura il 40% del proprio peso. Ora è pronta per la pigiatura.

Infine seguono almeno 20 mesi di invecchiamento e affinamento all’interno di botti in legno e bottiglia. Il vino arriverà a raggiungere una gradazione di 14%.

 

PROPRIETA’ ORGANOLETTICHE

Questo vino rappresenta tra tutti i vini Valtellinesi una vera e propria eccellenza. La sua grande concentrazione zuccherina gli dona un colore rosso granata e ne consente una facile e lunga conservazione in luoghi asciutti.

In fase di degustazione risulta strutturato con una consistenza corposa caratterizzata da una diversità di aromi (sviluppati con l’appassimento) e grande personalità. Tutto questo accompagnato da un profumo decisamente speziato.

Questo vino ha caratteristiche organolettiche uniche. A partire dalle eleganti note di erbe aromatiche, pepe nero e cannella arrivando a un dolce richiamo di caffè, cacao e liquirizia. E’ proprio il mix di questi sentori che rende questo vino così apprezzato. La lunga persistenza al palato e il retrogusto a dir poco gratificante rendono questo vino ideale per i momenti in cui ci si vuole coccolare un po’.

 

ABBINAMENTI CONSIGLIATI

Ricco di forza ed equilibrio, lo Sfursat, è capace di legare con molta eleganza ad una moltitudine di piatti. L’ideale è abbinarlo a formaggi stagionati e carni importanti (anche di selvaggina).

E’ ottimo anche come vino da meditazione; azzeccatissimo per una serata tra pochi intimi in cui discutere di nuove idee e perché no magari chiudere qualche buon affare!

vini di valtellina acquista online

Video correlati

introduzione classificazione vini
Vini Valtellina Denominazioni
Valtellina Superiore DOCG
Rosso di Valtellina DOC
Terrazze Retiche di Sondrio IGT

" was added to wishlist