Valtellina Superiore DOCG

La vita è troppo breve per bere vini mediocri.

Hai solo bisogno di trovare le OFFERTE giuste. Quello che ti proponiamo è un vino di QUALITA’ INDISCUSSA, come dimostrato dalle testimonianze delle persone che hanno avuto la fortuna di degustare i VINI DELLA VALTELLINA. Cosa aspetti? Ora non ti rimane che visitare la nostra enoteca online

Valtellina Superiore DOCG

E’ in Provincia di Sondrio, in una delle zone vitivinicole più importanti della Lombardia, che nasce il Valtellina Superiore DOCG. Questa Denominazione di Origine Controllata e Garantita è stata creata nell’anno 1998.

Questo è un vino che da tempo immemore viene riconosciuto per le sue eccellenti peculiarità. Insieme allo Sforzato di Valtellina può essere considerato uno dei fiori all’occhiello del territorio Valtellinese.

Il Valtellina Superiore può avere anche le denominazioni di 5 sottozone: Sassella, Grumello, Inferno, Maroggia e Valgella. I vini che vengono prodotti in queste aree possiedono in buona sostanza caratteristiche che si possono definire omogenee.

 

DOVE VIENE PRODOTTO

La Valtellina grazie al suo microclima, all’ottima esposizione soliva del versante retico e alle modeste precipitazioni distribuite uniformemente durante l’anno è una zona particolarmente adatta e favorevole alla viticoltura.

Un’altra particolarità di questo territorio montano è di essere orientato da est a ovest, al contrario di tutte le altre valli fluviali alpine che hanno invece uno sviluppo da nord a sud. La zona di produzione del Valtellina Superiore occupa un’area compresa in parte dei comuni di:

Ardenno, Berbenno di Valtellina, Bianzone, Buglio in Monte, Caiolo, Castione Andevenno, Chiuro, Montagna in Valtellina, Poggiridenti, Ponte in Valtellina, Postalesio, Sondrio, Teglio, Tirano, Tresivio e Villa di Tirano (tutti ubicati in provincia di Sondrio).

 

VITIGNO

Il Valtellina superiore deve utilizzare uve provenienti per almeno il 90% dal tradizionale vitigno Nebbiolo. Per la parte restante del 10% posso essere impiegati altri vitigni non aromatici a bacca rossa idonei alla coltivazione per la regione Lombardia come Prugnola, Pignola e Rossola.

Se ti interessa sapere quali sono tutte le condizioni e i requisiti per la produzione di questo vino puoi scaricare e leggere il Disciplinare di produzione Valtellina Superiore DOCG cliccando sul link che trovi qui sopra, subito sotto il video.

 

COME VIENE PRODOTTO

La produzione massima consentita di questa denominazione è di 80 quintali per ettaro, mentre la resa dell’uva in vino non deve mai superare il 70%. Il periodo minimo di affinamento di questo vino è di 24 mesi, dei quali almeno 12 in botti di legno (generalmente rovere).

Il grado alcolico minimo al consumo è del 12%. In annate particolari, con almeno 3 anni di invecchiamento, è consentita la qualifica di “Riserva”.

 

PROPRIETA’ ORGANOLETTICHE

Questo vino di Valtellina dal colore rosso rubino, tendente al granato, in fase di degustazione si contraddistingue per un sapore vellutato, asciutto e leggermente tannico.

Al palato sprigiona una diversità di aromi che lo rendono caratteristico e allo stesso tempo armonioso. Al naso il profumo è persistente, sottile e decisamente gradevole.

Andando ad individuare le caratteristiche organolettiche di ogni sottozona potremmo dire che:

  • il Sassella di tutte e cinque le denominazioni è quello più delicato, questo però senza perdere la sua struttura vigorosa e armonica. Nel suo profumo si evidenziano gradevoli note di rosa canina, viola e legno di rovere.
  • il Grumello appare asciutto e austero e al palato regala un sapore dolce e vellutato. I suoi profumi richiamano note evidenti da mandorla tostata.
  • L’Inferno, che probabilmente prende il nome dalle elevate temperature che si raggiungono sui terrazzamenti nei periodi estivi, è un vino dal carattere deciso e si caratterizza per il sapore asciutto e tannico al punto giusto con sentori di mandorle e nocciole. L’ampiezza aromatica di questa denominazione è davvero notevole e con il progredire della maturazione la lieve ruvidità iniziale lascia spazio ad una morbidezza soave.
  • Il Maroggia, riconosciuto come DOCG dal 2001, è caratterizzato da una certa robustezza e corposità con un sapore vellutato e amabile.
  • Ultimo ma non ultimo il Valgella DOCG che si presenta, anche da giovane, con una splendida morbidezza di gusti. Il sapore, leggermente tannico, è equilibrato e vellutato allo stesso tempo. Il profumo aromatico al naso risulta piacevolmente intenso.

 

ABBINAMENTI CONSIGLIATI

Questo vino è consigliabile abbinarlo con carni rosse (arrosti, brasati, selvaggina e bolliti), formaggi a pasta dura stagionati (come casera e bitto) e piatti classici della tradizione culinaria Valtellinese come gli amatissimi pizzoccheri o la polenta taragna.

vini di valtellina acquista online

Video correlati

introduzione classificazione vini
Vini Valtellina Denominazioni
Sforzato di Valtellina DOCG
Rosso di Valtellina DOC
Terrazze Retiche di Sondrio IGT

" was added to wishlist